.
Annunci online

malvino
il blog di Luigi Castaldi


Diario


16 dicembre 2008

Gianfranco Fini ha perfettamente ragione


“L’ideologia fascista non spiega da sola
l’infamia delle leggi razziali.
C’è da chiedersi perché la società italiana
si sia adeguata nel suo insieme alla legislazione antiebraica
e perché, salvo talune luminose eccezioni,
non siano state registrate
manifestazioni particolari di resistenza.
Nemmeno, mi duole dirlo,
da parte della Chiesa cattolica”

Gianfranco Fini,
16.12.2008


Gianfranco Fini ha perfettamente ragione e chi gli schiamazza contro per quanto ha affermato stamane è in mala fede o è un cretino. Qualche dato incontestabile:

1. Mancano ancora pochi mesi alla morte di Pio XI (10.2.1939) e, a tambur battente, il regime fascista emana i “Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola” (5.9.1938), i “Provvedimenti nei confronti degli ebrei stranieri” (7.9.1938) e la “Dichiarazione sulla Razza” (6.10.1938).
In Germania, con Hitler, la situazione dei cattolici è da tempo assai delicata, al punto che Pio XI, già dall’anno precedente, ha ritenuto necessario lamentarsene con una enciclica (Mit brennender Sorge, 10.3.1937).
In Italia, con Mussolini, la situazione è diversa: il cattolicesimo è religione di Stato e, salvo alcune frange marginali e marginate del cattolicesimo (per lo più nella sua componente laica), si va d’amore e d’accordo col regime.

2. Pio XI muore alla vigilia del decennale del Concordato e per l’occasione ha preparato un discorso che non potrà pronunciare, nel quale il Duce non è più “uomo della Provvidenza” – come l’ha definito dieci anni prima – ma non è nemmeno poi un gran fetente, anzi, ha il merito di aver salvato l’Italia dal pericolo liberale. Pio XI ha già imposto a don Luigi Sturzo le dimissioni dal Partito Popolare, perché faceva un’opposizione poco utile alla Chiesa, e non ha protestato per l’assassinio di don Giovanni Minzoni ad opera delle squadracce fasciste, ma le leggi razziali lo fanno sentire in dovere di dir qualcosa.
A sostenerlo e quasi a spingerlo è La Civiltà Cattolica, che dal 1934 ha cambiato posizione verso gli ebrei dopo decenni di antigiudaismo militante, fin dal 1880. L’odio era su basi teologiche, non razziali (perciò è da preferire il termine “antigiudaismo” a quello di “antisemitismo”), e pigliava ragioni dalla legittima pretesa della Chiesa di Roma di essere il “vero Israele”, una pretesa la cui eco arriva ai nostri giorni [1]. Il messaggio, dicevamo, non uscirà dal Palazzo Apostolico.

3. Ma a certificare l’ansia di Pio XI verso la sorte degli ebrei sotto il nazismo non c’è la Mit brennender Sorge? Non quanto si vuol far credere.
Nell’enciclica, Pio XI condanna chi vuol proibire lo studio scolastico dell’Antico Testamento, ma non fa un cenno riguardo chi lo voglia proibire e a chi; viene condannata l’idolatria della razza, ma senza fare alcun riferimento al regime nazista, e affermando che comunque il “problema della razza” resta fondamentale per “l’ordine naturale”; si lamentano le violazioni del Concordato con Hitler del 1933, ma si fa presente che lo si è voluto per evitare guai ai soli cattolici tedeschi; infine, citando una nota parabola evangelica, del nazismo si condanna la “zizzania” ma dichiarando che non sarebbe giusto estirpare con essa il “grano” che vi sarebbe nel Terzo Reich.
Pare sia stata scritta da Eugenio Pacelli, la Mit brennender Sorge.

4. Quando si contestano le ambiguità e le tiepidezze di quella enciclica a chi invece la legge come un coraggioso atto di accusa della Chiesa al nazismo e all’antisemitismo, c’è sempre un cattolico che si leva e ricorda che nel cassetto Pio XI avesse un’altra enciclica, la Humani generis unitas, quella sì antinazista e in chiaro favore degli ebrei, e che solo la morte del pontefice ne abbia impedito la pubblicazione.
Può darsi, fatto sta che in questa enciclica c’era scritto: “La vera natura della separazione sociale degli ebrei dal resto dell’umanità ha un carattere religioso e non razziale. La questione ebraica non è una questione di razza, né di nazione ma di religione e, dopo la venuta di Cristo, una questione di cristianesimo. Il popolo ebreo ha messo a morte il suo Salvatore. Constatiamo in questo popolo un’inimicizia costante rispetto al cristianesimo. Ne risulta una tensione perpetua tra ebrei e cristiani mai sopita. Il desiderio di vedere la conversione di tale popolo non acceca la Chiesa sui pericoli ai quali il contatto con gli ebrei può esporre le anime. Fino a che persiste l’incredulità del popolo ebraico, la Chiesa deve prevenire i pericoli che questa incredulità potrebbe creare per la fede e i costumi dei fedeli”.

5. Prima della odierna e ipocrita sparata contro Gianfranco Fini, a settembre, padre Giovanni Sale, attuale direttore de La Civiltà Cattolica, ha sostenuto che, alla promulgazione delle leggi razziali fasciste, la Santa Sede – attraverso l’opera del cardinale Eugenio Pacelli (di lì a poco Pio XII) – ebbe una prevalente preoccupazione: mantenere “un atteggiamento piuttosto prudente, pensando che in tal modo si potesse ottenere qualcosa di concreto a vantaggio degli ebrei, in particolare di quelli convertiti al cattolicesimo”.
Chissà perché, oggi, dopo le dichiarazioni di Gianfranco Fini, come se bastasse a smentirle, dichiara: “La documentazione recentemente desecretata dell’Archivio Segreto Vaticano ci ha permesso di seguire momento per momento, quasi si potrebbe dire giorno per giorno, il punto di vista vaticano sulle vicende della promulgazione delle leggi sulla purezza della razza il 17 novembre 1938. A preoccupare il Papa e la Santa Sede era soprattutto il controverso articolo 7 della legge, che proibiva i matrimoni tra cattolici per motivi razziali. Un articolo che creava un vero vulnus nel Concordato del 1929”
.
Bene, e allora dove stava tutta questa apprensione per la sorte degli ebrei? Il vulnus era al Concordato, il vulnus agli ebrei era per lo meno in secondo piano. Ma poi, esattamente, cos’ha detto Gianfranco Fini? Ha detto che,
“salvo talune luminose eccezioni”
, non si registrarono “manifestazioni particolari di resistenza”, “nemmeno […] da parte della Chiesa cattolica”.
Sono da considerare “manifestazioni particolari di resistenza” le poche, ambigue, pavide, opportunistiche parole dette dalla Santa Sede dal 1938 al rastrellamento del ghetto di Roma da parte dei nazisti nel 1943?

6. Torniamo indietro, andiamo ad un dettaglio rivelatore che, sì, ci rivela una diversa postura mentale di fronte alla “questione giudaica” da parte di Pio XI e di Pio XII, ma che chiarisce come venisse a delinearsi – al sodo – la posizione ufficiale della santa Sede. Anche qui dobbiamo essere grati a padre Giovanni Sale. Il quale, a settembre, ci ha dato modo di ricostruire, di là dagli eufemismi e dalle mezze reticenze, che una nota della Santa Sede suggeriva a padre Tacchi Venturi, fiduciario di Pio XI presso il Duce, “di attirare l’attenzione dell’autorità governativa soprattutto sugli ebrei battezzati e convertiti al cattolicesimo”, insomma di “utilizzare come criterio discriminatorio non il dato biologico razziale, ma quello religioso”. Padre Giovanni Sale era costretto ad ammettere, appena tre mesi fa: “Appare oggi imbarazzante per lo storico cattolico, soprattutto dopo le aperture del Concilio Vaticano II in tale materia, giustificare con categorie morali o religiose tale impostazione di pensiero e tal modo di procedere”. Oggi, che vuole?

7. Un altro dettaglio che può illustrarci quale fosse lansia della Santa Sede per la sorte degli ebrei.
Il 15 novembre del 1938, L’Osservatore Romano pubblica un articolo che illustra la posizione della Chiesa sui provvedimenti adottati dal regime fascista e che avrebbe dovuto – dicasi: avrebbe dovuto – riportare la versione integrale di una nota del pontefice indirizzata all’ambasciatore del governo italiano presso la Santa Sede e a Vittorio Emanuele III. È una nota dura, alla quale il cavalier Benito Mussolini non ha neanche risposto; il Re, invece, ha dato attenzione alla supplica e ha lasciato intendere che una speranza ci sia, almeno per quanto riguarda il suo intendimento. In fondo, è pur sempre quello che deve controfirmare i decreti del governo: pubblicare la sua risposta fa forte la Santa Sede dell’appoggio della Corona almeno per quanto potrà riguardare ebrei di razza, ma convertiti.
L’Osservatore Romano, però, riporta solo una sintesi e assai soffice, soprattutto priva di ogni intellegibile segno della premura che Pio XI ha inteso mettere nella sua richiesta con l’iniziativa diplomatica presso la Casa Reale. Chi ha passato a L’Osservatore Romano la nota così “addolcita”? Monsignor Domenico Tardini, ma qualche ritocco è stato dato anche dal cardinal Eugenio Pacelli.
Pio XI si irrita e si addolora (servisse a qualcosa, gli ebrei ringrazierebbero). Esige che sia pubblicato un altro articolo su L’Osservatore Romano, stavolta riportando integralmente la risposta avuta da Vittorio Emanuele III. Non arriverà mai ad essere pubblicata, come la Humani generis unitas. “L’Eminentissimo riuscì a impedirlo”, rivela monsignor Tardini in una nota personale che larticolo di padre Giovanni Sale rendeva pubblica a settembre. L’Eminentissimo, se non si fosse capito, era il cardinal Pacelli, il futuro Pio XII. Monsignor Tardini scriveva: “È ovvio che la grande preoccupazione dell’Eccellentissimo Nunzio era quella di evitare un dissidio tra la Santa Sede e il Governo italiano. E siccome qualunque dichiarazione o protesta della Santa Sede per quanto attenuata avrebbe potuto essere sfruttata dai nemici del fascismo all’interno e specialmente all’esterno per provocare un contrasto, il Nunzio cercava di studiare il modo, con qualche opportuna modifica della legge, di evitare qualsiasi protesta della Santa Sede”.
Ma torniamo a oggi.

8. Una concitata nota appare poche ore fa sul sito web di Avvenire [2]. Ci sono le già riportate dichiarazioni di padre Giovanni Sale, ma ci sono anche affermazioni viziate da pesanti inesattezze. Sarà il caso di analizzarle nel dettaglio:

(a)Un Papa dal «temperamento volitivo e combattivo» e pronto a vergare di suo pugno una lettera autografa al capo del Governo Benito Mussolini per chiedergli personalmente di non porre impedimenti al matrimonio tra cattolici per motivi razziali e a chiedere indirettamente modifiche alle leggi sulla razza”. Corretto sulla questione dei matrimoni misti, inesatto sul resto, con l’aggravante mistificatoria di quell’“indirettamente”.
(b)
“Emergono [dai documenti di cui si è già discusso ai punti 6. e 7.] i tentativi di Papa Ratti e in particolare dei suoi fiduciari di quel tempo – monsignor Domenico Tardini e il gesuita Pietro Tacchi Venturi – per trovare uno sbocco diplomatico all’incresciosa situazione creatasi con il governo italiano”. Può darsi, ma si tace sul ruolo di Eugenio Pacelli, che non era l’ultima ruota del carro: e fu un ruolo determinante, che Pio XI non riuscì a neutralizzare.
(c)
“«Se Mussolini – si legge in una confidenza di Pio XI a monsignor Tardini – non mostra buona volontà di trovare una via d’uscita, sono disposto a scrivergli una lettera, semplicissima, per dirgli che così facendo, lui spinge gli uomini al peccato e per ricordargli non una parola umana, ma una parola divina: miseros facit populos peccatum». Precisa ancora padre Sale: «Va ricordato che questo modo di procedere non era una prassi «protocollare» della Santa Sede, in quanto il Papa indirizzava lettere autografe soltanto a sovrani o capi di Stato»”. Ammesso e non concesso, che fine fece quella lettera? Fu scritta? No. Mussolini mostrò mostrò “buona volontà”? No. Pio XII fece quello che la morte impedì a Pio XI? No.
(d)
“«Nello stesso anno [– prosegue padre Giovanni Sale –] il Papa si era ritirato a Castelgandolfo prima della visita di Stato di Hitler a Roma dal 3 al 9 maggio e L’Osservatore Romano scrisse che l’aria della Città Eterna gli faceva male»”. A questo si riduce l’antifascismo e l’antinazismo della santa e coraggiosa Chiesa cattolica? Che l’aria di Roma facesse male a Pio XI doveva essere letto su L’Osservatore Romano come una condanna di Mussolini?
(e)
“Nel settembre 1938 Pio XI pronunciò in Vaticano il famoso e memorabile discorso in cui affermò che «l’antisemitismo è inammissibile, spiritualmente siamo tutti semiti». Allora L’Osservatore Romano pubblicò il testo omettendo la parte riguardante gli ebrei e altrettanto fece La Civiltà Cattolica. Ma sono tutti sintomi dei veri sentimenti e delle preoccupazioni di Pio XI”. Le preoccupazioni di Pio XI per gli ebrei dovrebbero essere ufficialmente lette nell’omissione dell’unico riferimento agli ebrei? Che modo di argomentare è questo?
(f)
“«Quello che sorprende però che dalla documentazione vaticana di questo periodo – conclude padre Sale – non si faccia alcun riferimento all’enciclica che Papa Ratti aveva dato incarico di scrivere al gesuita americano John La Farge [la Humani generis unitas], nella quale si dovevano condannare apertamente il razzismo e tutte le teorie che inficiavano l’originaria uguaglianza tra gli uomini»”. Oh, benissimo. Chi la citava come prova provata dell’antifascismo di Pio XI, fino a ieri, diceva che i suoi contenuti fossero noti fino all’ultimo sagrestano.

9. Non vale neanche la pena di passare in rassegna le patetiche obiezioni dei cosiddetti politici cattolici (Lupi, Volonté, ecc.): sono ridicole [3]. Notevole, invece, la presa di posizione di Gianfranco Fini a fronte della levata di scudi: “Confermo le mie parole sulla Chiesa. Quandanche la sua uscita di stamane fosse dovuta a calcolo, mantenere il punto fermo (e con simpatica ironia [4]) ne esalta il profilo.





[1] “La Chiesa si oppone ad ogni forma di antisemitismo”, ha detto Benedetto XVI nel corso del suo viaggio in Francia; e ha aggiunto, citando proprio un discorso di Pio XI del 1938: “Spiritualmente, noi siamo semiti”, ma ha scrupolosamente evitato di specificare il contesto dal quale estrapolava la frase. “Fate attenzione – aveva detto Pio XI – Abramo è chiamato nostro patriarca, nostro antenato. […] La promessa si realizza nel Cristo e, attraverso il Cristo, in noi che siamo discendenti spirituali di Abramo. No, non è possibile per i cristiani essere partecipi dell’antisemitismo. […] Spiritualmente, noi siamo semiti”: insomma, gli ebrei lo erano un po’ meno, forse erano perfino semiti abusivi. Sarà stato per questo che Pio XI ritenne indispensabile sciogliere l’Opera sacerdotale «Amici di Israele»? Era un’associazione sorta allo scopo di operare in favore di una riconciliazione con gli ebrei, e fu sciolta quando cominciò ad avere troppe adesioni (tra le altre quelle di 19 cardinali, 268 vescovi e arcivescovi e circa 3000 sacerdoti): il decreto di soppressione di Pio XI rimproverava al programma dell’associazione il non tener conto della “perdurante cecità di questo popolo”.

[2] http://www.avvenire.it/Cultura/leggi+razziali+pio+XI.htm

[3] “Qualunque storico, anche lontano dalla Chiesa cattolica e indifferente alla sua dottrina, può illustrare centinaia di documenti che dimostrano l’agire corretto per la tutela dei diritti dell’uomo, così come l’impegno mai venuto meno e finalizzato alla difesa della persona umana e, in particolare, a quella del popolo ebraico. La Chiesa ha sempre con forza contrastato le leggi razziali, cercando di aiutare gli ebrei perseguitati anche a rischio della vita di numerosi sacerdoti, suore e laici. Questi sono i fatti, lo testimoniano le pagine dalla storia” (Maurizio Lupi). E quando Gianfranco Fini parlava di “talune luminose eccezioni”, di che parlava?
“Spiace constatare che a fomentare un simile falso storico simile sia stata la terza carica dello Stato. Papa Pio XII fece tutto il possibile per scongiurare la promulgazione dell’antisemitismo normativo” (Luca Volonté). Il giovane Volonté si riconferma il solito fesso, sbaglia pure il Pio in questione.

[4] “Riscriverei pari pari questo concetto che ho elaborato leggendo qualche giorno fa un documento del Vaticano del 2000” (Gianfranco Fini). Ha ragione. Si tratta del documento che fornì le basi per la Giornata del Perdono al Giubileo del 2000: sbaglia il titolo (Memoria [non Memorie] e riconciliazione: la Chiesa e gli errori del passato), ma il documento è quello. Lupi e Volonté certamente non l’hanno letto.




permalink | inviato da malvino il 16/12/2008 alle 19:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Merce avariata
Chi l'ha detto?
Citazioni
Scrivi, Malvino ti risponde.
Lettere non spedite
Storie perse

VAI A VEDERE

Il lato B
.
18 Brumaio
1972
Ad usum delphini
Aioros
Aldo Torchiaro
Anelli di fumo
Anskij & Ghino
Antinomie
Arciprete
Aronne
Arrabbiato
Articolo 2
Aubrey
Azione parallela
Baol
Bioetica (Lalli & Regalzi)
Bloggerperfecto
Blue Highways
Bolina Rossa
Butirrometro
Cadavrexquis
Calibano
Calvin
Caos deterministico
Capemaster
Carlo Menegante
Cheremone
Chinaski77
Claudio Sabelli Fioretti
Clos
Crilomb
Dalle 8 alle 5
Desaparecidos
Devarim
Diderot
Doppio vincolo
Ealcinemavaccitu
Emanuele Ottolenghi
Estinzione
Evenhappier
Fabristol
Formamentis
Frans Van Der Groov
Fuoco
Galatea
Galileo
Gians
Giornalettismo
Giudamaccablog
Grendel
Herakleitos
Illaicista
Il mio manifesto
In partibus infidelium
Invarchi
Inyqua
Isola virtuale
Jazztrain
Jimmomo
Karl Kraus
Kerub
Klingsoror
Leilani
Leonardo
L'estinto
Librescamente
Loading
Lorenzo Lazzeri
Luca Massaro
Makia
Maurizio Colucci
Maurizio Ferraris
Metilparaben
Mildareveno
Mises
Miss Welby
Nihil
Nonsosescendo
Notizie Radicali
Notturno Umano
Oggettivista
Onepercent
Panther
Paolo Franchini
Pardo
Perle ai porci
Phastidio
Piattaforma
Povero Bucharin
Pseudepigrapha
Psicoanalisi Torino
Qubrick
Radicali
Radio Radicale
Rael is real 1
Rael is real 2
Rael is real 3
Raser
Riformista alchemico
Rip
Robba
Rolli
Sagredo
Salon Voltaire
Samuele Siani
Simplicissimus
Skunk
Sostiene Proudhon
Stampa rassegnata
Suttora
Una perfetta stronza
Uqbar
V.
Vaaal
V.U.E.
Vulvia
Weissbach
Yoshi
Zaneddu



Questo blog non rappresenta
una testata giornalistica in quanto
viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto editoriale
ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.

Le immagini inserite in questo blog
sono tratte in massima parte da Internet;
qualora la loro pubblicazione violasse
eventuali diritti d'autore,
vogliate comunicarlo a
luigicastaldi@gmail.com,
saranno rimosse tosto.

I commenti ai post sono in moderazione
e quelli anonimi o dal contenuto offensivo
hanno scarse possibilità di essere editati.





Creative Commons License


I contenuti inediti di questo blog
sono pubblicati sotto una
Licenza Creative Commons.
Se riprodotti altrove,
la loro paternità va attribuita
specificando il nome dell’autore
e il titolo di questo blog,
e inserendo un link all’originale
o citandone l’indirizzo.
I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato
sono di proprietà dell'autore.





Gli editoriali per Notizie Radicali


172. Urbi et orbi, la Marcia di Pasqua è inesistente
(11.4.2007)

171.
Addio, radicali. Arrivederci, liberali
(4.4.2007)

170.
La materia oscura
(30.3.2007)

169.
L’eroica lotta del prode Bandinelli
(20.2.2007)

168.
E a questo stiamo
(19.2.2007)

167.
Tra il sacro e la secolarizzazione
(16.2.2007)

166.
La smetta, Binetti, si curi!
(31.1.2007)

165.
Ignobile scoop
(29.1.2007)

164.
In memoria di Alfredo Ormando, ex seminarista, gay, arso vivo
(12.1.2007)

163.
Per ogni Popieluszko c’è sempre almeno un Wielgus
(10.1.2007)

162.
La pieta e la chiarezza di Francesco D’Agostino
(9.1.2007)

161.
Bernard-Henry Levy e i blog
(8.1.2007)

160.
Le esequie ecclesiastiche a Gabriele Cagliari
(2.1.2007)

159.
Assuntina Morresi davanti a Piergiorgio Welby
(20.12.2006)

158.
Ratzinger e i «terminali»
(18.12.2006)

157.
Il concubinaggio
(14.12.2006)

156. La «sana laicità»
(11.12.2006)

155.
Cantalamessa
(6.12.2006)

154.
Lo Sdi e la massa critica
(4.12.2006)

153.
Caro Punzi
(28.11.2006)

152.
Il diabete dell’ateo devoto
(27.11.2006)

151.
Alasciarli dire, a lasciarli fare
(24.11.2006)

150.
Il metodo di Antonio Socci
(23.11.2006)

149.
Salvo forellini
(22.11.2006

148.
L’olio e le erbe medicamentose di San Francesco
(20.11.2006)

147.
Chissà se il mercato globalizzato accetterà l’authority della Chiesa
(15.11.2006)

146.
La Curia di Bologna
(10.11.2006)

145.
Simpatica carognetta
(8.11.2006)

144.
Una sana competizione inter-religiosa
(23.10.2006)

143.
Lo spazio dove stanno i radicali
(17.10.2006)

142.
Si accettano scommesse
(12.10.2006)

141.
Capolavoro di ipocrisia!
(10.10.2006)

140.
La radice dell’antisemitismo è più cristiana o più musulmana?
(9.10.2006)

139.
Nessuna paura d’aver paura
(5.10.2006)

138.
Nessuna costrizione nelle cose di fede?
(2.10.2006)

137.
“Lucidamente Piergiorgio Welby chiede…” 
(29.9.2006)

136. 
Ipotesi su Milingo
(27.9.2006)

135.
Ohilà, nequiziosi!
(26.9.2006)

134.
Come il tassidermista riempie di paglia la carogna
(25.9.2006)

133.
Ignoranza o mistificazione?
(21.9.2006)

132.
O secolarizzazione o violenza
(19.9.2006)

131.
Un tranquillo weekend di paura
(18.9.2006)

130.
La teologia nell'universitas scientiarum
(14.9.2006)

129.
“In fondo la Cisa vende serrature”
(13.9.2006)

128.
Limature
(12.9.2006)

127.
Auflegen, befehlen o gebieten?
(11.9.2006)

126.
Robert Spaemann, incommensurabile sagomaccia
(6.9.2006)

125.
James Hillmann: diagnosi spietata, terapia di sempre
(5.9.2006)

124.
Il caso Robert Lanza, ennesima svista del Foglio
(1.9.2006)

123.
Caro Pullia
(31.8.2006)

122.
Pannella si è fermato a Bose
(29.8.2006)

121.
Dobbiamo avere una grande pazienza
(28.8.2006)

120.
Trittico libanese
(24.7.2006)

119.
Schola Scholae
(19.7.2006)

118.
“Drogarsi non è un diritto”
(14.7.2006)

117. 
Rosa nel Pugno. Appunti di viaggio
[con Federico Punzi]
(6.7.2006)

116.
Comunitari o liberal?
(29.6.2006)

115.
Di cani e di figli
(27.6.2006)

114. Una fiction, neh
(23.6.2006)

113. Signore, signori, malgiogli assortiti...
(21.6.2006)

112.
Lobby? Andiamo piano con le parole
(16.6.2006)

111.
“Talora la stampa si presta…”
(13.6.2006)

110.
Negli assolutismi accade
(8.6.2006)

109.
La “libertà di vietare”
(7.6.2006)

108. Ratzinger e Maggiolini, problemi di stile
(30.5.2006)

107.
Rispiegare la modernità?
(26.5.2006)

106.
Zuavi in Parlamento
(22.5.2006)

105.
A chi spetta?
(19.5.2006)

104. Ancora su Marcello Pera
(18.5.2006)

103.
Dopo la famiglia, lo Stato
(16.5.2006)


102. Occhio, fratres!
(8.5.2006)

101. Diciotto volte Emma Bonino, fino alla fine
(5.5.2006)

100. 
Il cardinal Martini e la "resa alla modernità"
(2.5.2006)

99.
Un'altra trappola: il Manifesto di Euston
(27.4.2006)

98.
Faranno al cardinal Martini un trattamento alla Milingo?
(24.4.2006)

97.
Dopo Rocca, Ferrara manda Bellasio
(21.4.2006)

96.
"C'è un'Italia reale e un'Italia virtuale"?
(19.4.2006)

95.
I piccoli exit poll di Christian Rocca
(13.4.2006)

94.
Il giorno dopo
(11.4.2006)

93.
Viva Romano Prodi!
(10.4.2006)

92.
Lectio magistralis
(5.4.2006)

91.
Not negotiable
(4.4.2006)

90.
L'Appello a Prodi: il bluff della guerra civile
(31.3.2006)

89.
Il gentilissimo Christian Rocca
(28.3.2006)

88.
Bastardo sarà lei!
(27.3.2006)

87.
Ruini non fa ingerenza, rimanda a quella di sempre
(21.3.2006)

86.
Divertente come la catastrofe
(20.3.2006)

85.
Mutua comprensione tra integralismi?
(13.3.2006)

84.
Benedetto figliolo!
(7.3.2006)

83.
Quel che trattiene Magdi Allam
(1.3.2006)

82.
Vieni, Gunther, qui c'è un albero, è un pero
(27.2.2006)

81.
Un editoriale che vorrei lasciare incompiuto e senza titolo
(21.2.2006)

80.
Cavar soldi dal “matto”: in Vaticano ci si fa un pensierino
(17.2.2006)

79.
Escludendo che monsignor Maggiolini si sia presa una cotta per la Bonino
(9.2.2006)

78.
La questione è la libertà di espressione
(7.2.2006)

77.
Si tratta pur sempre di un sant’uomo
(1.2.2006)

76.
“La verità, vi prego, sulla carità”
(31.1.2006)

75. Ci dica l’ottimo Panebianco…
(23.1.2006)

74.
La figlia del console
(19.1.2006)

73.
Ratzinger e il decalogo
(18.1.2006)

72. “Il vero Israele” 
(17.1.2006)

 

71. Una dimenticanza di Angelo Panebianco

(16.1.2006)

70. Bonino o Santanché?
(10.1.2006)

69. Niente antidepressivi, grazie!
(4.1.2006)

68. “Ah, se Dio sopprimesse i peccatori!”
(2.1.2006)

67. Del Concilio Vaticano II non avete capito niente, gonzi!
(27.12.2005)

66. Un’altra mina l’Occidente: la pornografia
(23.12.2005)

65. “Fratello spermatozoo”
(20.12.2005)

64.
La mia superstizione è migliore della tua
(19.12.2005)

63. Riforma della Curia, anno 0
(14.12.2005)

62.
La goccia di veleno
(12.12.2005)

61. Non lo fo’ per piacer mio…
(Lettera aperta a Carlo V)
(6.12.2005)

60. Venerdì, sabato e domenica
(5.12.2005)

59.
Contrordine, figlioli, il limbo è una cazzata!
(2.12.2005)

58.
Tomista quanto non mai, il Ratzinger. Anzi assai tomo.
(28.11.2005)

57. Il seminarista sia munito di certificato medico

(24.11.2005)

56. Scherziamo? Scherziamo
(21.11.2005)

55.
La pazienza degli italiani
(17.11.2005)

54. Il fuoco amico di Croce e Gramsci
(16.11.2005)

53. Marcello Pera, croque-mort
(15.11.2005)

52. Semo romani, damose da fa’
(11.11.2005)

51. Coi soldi di Sir Templeton
(8.11.2005)

50.
La Chiesa è sempre uguale a sé stessa
(27.10.2005)

49. Chi glielo dice a Marcello Pera, di farsi da parte?
(20.10.2005)

48.
Sua Santità, Anacoluto I
(17.10.2005)

47.
Un dubbio: mettere in dubbio il dubbio?
(14.10.2005)

46.
Capriccio
(10.10.2005)

45.
Buona conversione!
(7.10.2005)

44. Se il legislatore non è un fesso (e non è un fesso)
(4.10.2005)

43. L’orecchio di Dionigi
(29.9.2005)

42. Fiuggi: i tg di prima sera non possono più glissare
(26.9.2005)

41. La colomba e il leopardo
(21.9.2005)

40. Ratzinger apre la caccia al ricchione
(19.9.2005)

39. Caro Silvio Viale, vai avanti!
(15.9.2005)

38. “I politici cattolici lo sono in particolare”
(12.9.2005)

37. L’aggettivo “clerico-fascista”
(6.9.2005)

36. Il “vuoto” liberale
(1.9.2005)

35. Troppo vento a Colonia
(29.8.2005)

34. Gli ebrei, il solito nervo scoperto
(28.7.2005)

33.
Plinio Corrêa de Oliveira
(22.7.2005)

32. Questo non è altro che quello
(19.7.2005)

31. Due etti di quello buono (salumeria Sodano)
(13.7.2005)

30. A che serve più il vocabolario?
(8.7.2005)

29. Orsina, cioè Ferrara, cioè Ruini
(5.7.2005)

28. Vediamo se esistono ancora, quei socialisti
(1.7.2005)

27. Neofascisti, cielli, foglianti: bingo!
(27.6.2005)

26. Si lasci riposare in pace Benedetto Croce
(23.6.2005)

25. Se il pastore lo chiama gregge, ci sarà un motivo
(21.6.2005)

24. Se poi vengono bene, l’autorità centrale vidima
(15.6.2005)

23. Un occhio di riguardo per il Testaccio
(13.6.2005)

22. Fides et Ratio: un esempio e un paradigma
(7.6.2005)

21.
Ancora un piccolo sforzo, legalizziamo lo stupro
(3.6.2005)

20.
A chi fa i conti senza l’utero
(31.5.2005)

19.
Forse una destra decente è possibile
(27.5.2005)

18.
Il rischio di blandire i suscettibili
(24.5.2005)

17.
Toh, guarda, “la tentazione di passare al fronte dell’astensione”
(18.5.2005)

16.
Parlando serenamente, si trova sempre il modo di uscirne
(13.5.2005)

15.
Tra l’art. 7 e l’art. 8 della Costituzione
(10.5.2005)

14.
“I politici non capiscono mai niente, mai”
(5.5.2005)

13.
Parlare di embrioni da ex embrioni: non più
(3.5.2005)

12.
Beccaria e la misura di Ratzinger
(29.4.2005)

11.
Non invitate un falso liberale a un matrimonio gay
(27.4.2005)

10.
I cattolici liberali? Rivolgersi a Ratzinger, prego 
(22.4.2005)

9.
Il ricatto
(20.4.2005)

8.
Sotto chiave
(18.4.2005)

7.
Tirare sassi ai lumi
(14.4.2005)

6.
Promemoriam per Miriam
(12.4.2005)

5.
Semo ‘na manica de gente assai lasciva
(8.4.2005)

4.
No Taliban no Vatican: al di qua dello slogan
(7.4.2005)

3.
Il latinorum degli atei devoti
(5.4.2005)

2.
Il nodo genetico
(1.4.2005)

1.
La cosa per bene
(29.3.2005) 

 

 Add to Technorati Favorites Technorati Profile

 

 

 

 

(giusto
per saperne
qualcosa
)


 

 

CERCA