Blog: http://malvino.ilcannocchiale.it

O stolti

                                         

Eccovi lì, o stolti, ora siete svergognati. Avete sempre parlato male del Punzi, dicendogli a mezza bocca, o a ugola scafata, che era moscio, troppo educatino, perfettino anzichenò, corretto fino al glaciale, misticamente americano. Tie’, prendetevelo in quel posto, o stolti: guardate che gioiello di crudeltà, guardate che artiglio, e guardate come gronda di sopraffino veleno di basilisco. Di basilisco raro, per giunta.
Una sciacquetta scrive quattro cose sciatte, inzuppate nella melassa, e se le vede pubblicate tra gli editoriali di Notizie Radicali. Per inciso: è uno schifo, per protesta mi sono autosospeso per una settimana. E il Punzi? Niente schifo, neppure quello – zac! – le dà una rasoiata con l’artiglio, e quella cade a terra già morta, uccisa dal veleno sull’artiglio.

Guardate invece quest’uomo da intrattenimento. Come è scialbo, anodino e – con rispetto parlando – scemetto. Pubblica un falso. Dice che è una lettera che gli ha spedito Benedetto XVI. Nessuno se lo caga. Nessuno, tranne quei due o tre che ormai lo tengono sotto stretto controllo (è il destino dell’uomo da intrattenimento, coraggio Beppe!). Indi, confessa che è un falso. Dice che chi ci è cascato è un “uomo di buona volontà”, che poi sarebbe un prototipo antropologico tra il Padre Mariano di Pace-e-bene-a-tutti e quel comico un po’ monotono che conduceva Te la do io, l’America. Prototipo andato subito fuori produzione, mai nemmeno stato in linea. Montato amatorialmente, qua e là, poi il modello è stato messo a disposizione su Internet. Con discreto mercatino allegato. D’altra parte ogni vero Messia deve cimentarci sempre, prima o poi, con l’impiccio del mercato – o almeno, appunto, del mercatino. Allo stesso tempo, però, dice che cascarci era davvero da coglioni.
Sillogismo: viva il disperato che è in voi, seguitemi!

Inchinatevi di fronte al blog di Federico Punzi, porgendo il culo a quello di Beppe Grillo – o stolti.

Pubblicato il 16/1/2007 alle 20.34 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web