Blog: http://malvino.ilcannocchiale.it

Stati dell'organico nella teoria di un grande contemporaneo

Zygmunt Bauman è quel tale che associa alla postmodernità l’immagine del liquido in contrapposizione a quella del solido dei bei tempi andati, e lamenta: Oggi si esalta il «qui e ora» e si vive nell’eterno transitorio”, però senza disperare: “Nella fede c’è un argine a questa deriva”.
In un’altra intervista chiarisce:
Ho usato la metafora della liquidità per una caratteristica di base dei liquidi fluidi: non possono mantenere una forma da soli, hanno una coesione interna, un’integrazione, un’attrazione davvero minima. Così finché non li metti in contenitori, in forme esterne, non conservano la stessa forma per molto tempo. E questa è esattamente la caratteristica della nostra vita. Non puoi affidarti a qualcosa che conservi la propria forma finché non le metti qualcosa intorno”. Qualcosa che argini. La fede, avevamo detto.

Bene, oggi mi è capitato sotto gli occhi un articolo di Zygmunt Bauman, vi lascio immaginare su quale quotidiano: Potremmo dire – diceva – che la cultura sia attualmente in una fase liquido-moderna, fatta a misura della libertà individuale di scelta (volontariamente perseguita o sopportata in quanto obbligatoria) e concepita per servire tale libertà, per assicurarsi che tale scelta rimanga inevitabile – una necessità a vita, un dovere – e che la responsabilità, la compagna inalienabile della libera scelta, rimanga dove la modernità liquida l’ha costretta: sulle spalle dell’individuo, ora designato come il solo manager della «politica della vita». La cultura di oggi è fatta di offerte, non di norme” (Avvenire, 21.2.2010).

Il resto potrete ricavarvelo da soli, anche senza leggerlo, però se vi tenete bene aderenti alle metafore: (a) solido = sicuro = fede; (b) liquido = eterno transitorio = deriva verso lautodeterminazione.
Per quanto possa sembrare paradossale, tenere bene a mente: liquido è cacca, solido no.

Pubblicato il 22/2/2010 alle 6.43 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web